I sindaci italiani celebrano la festa della Liberazione con azioni Global Wave

Il 25 Aprile è la festa della Liberazione in Italia. Questa data segna il crollo della Repubblica sociale italiana di Mussolini e la fine dell'occupazione nazista in Italia nel 1945. In questo giorno di festa nazionale si onorano coloro i quali prestarono servizio nella Resistenza italiana e si celebrano la pace e la libertà dal 1945.

Mayors for Peace Italy sta incoraggiando le città membri, ad usare questa occasione per chiedere la liberazione dalle armi nucleari e dalla minaccia di una guerra nucleare attraverso la partecipazione a Global Wave 2015 “per dire addio alle armi nucleari”. L'Italia ospita un imprecisato numero di armi nucleari statunitensi che si trovano nella base dell'Aeronautica militare degli Stati Uniti ad Aviano e nella base italiana di Ghedi, pronte ad essere usate dall'Aeronautica militare italiana in base all'accordo di condivisione nucleare.

Lisa Clark, coordinatrice di Mayors for Peace Italy, ha fatto circolare una raccomandazione alle città italiane membri di unirsi a Global Wave, insieme ad una lettera dalla sindaca Celia Wade-Brown, nella quale vengono incoraggiati i membri di Mayors for Peace a prendere parte alle azioni Global Wave. La sindaca Wade-Brown è membro esecutivo di Mayors for Peace e sindaca di Wellington, la capitale della Nuova Zelanda, che si è liberata dalle armi nucleari nel 1984 (vedi Global Wave from down-under – action towards nuclear abolition!)

Azioni Global Wave sono già state pianificate in almeno quattro città/paesi italiani, durante le cerimonie per la festa della Liberazione. Queste sono: 

  • Bagno a Ripoli, vicino Firenze. La Global Wave sarà capeggiata da Susanna Agostini, commissario alla pace 

  • Albenga, vicino Savona. L'attivista della società civile Enza Santoriello guiderà il gesto di addio alle armi nucleari insieme con Alfredino Galizia, sindaco di Arnasco. Approfitteranno di quest'occasione per invitere il nuovo sindaco di Albenga, Giorgio Cangiano, ad unirsi a Mayors for Peace

  • Villa Lagarina, vicino Trento. La consigliera Enrica Zandonai guiderà il gesto di addio. Lei è stata nominata dalla sindaca Romina Baroni come rappresentante cittadino per le questioni di pace.

  • Rovereto, vicino Trento. Il sindaco di Rovereto guiderà il gesto di addio alle armi nucleari

Global Wave in Italia segue altre azioni anti-nucleare di successo di Mayors for Peace Italy (e dei suoi soci) negli anni passati, includendo tra queste:

Peace Bike Ride in 2014- che è stata accolta a Roma dal vice sindaco Luigi Nieri, ha incontrato i deputati Filippo Fossati e Salvatore Capone (Membri di Parliamentarians for Nuclear Non-proliferation and Disarmament) ed è quindi andata in Vaticano e incontrato Papa Francesco (guarda: Bike away the nuclear bomb!);

Ogni anno una più lunga Peace Bike Ride, chiamata Pace in Bici, unisce numerosi attivisti per il disarmo e viaggia attraverso l'Italia nord-orientale, incontrando gruppi della società civile, sindaci e altri amministratori cittadini eletti, reclutando anche nuovi membri per Mayors for Peace. Pace in Bici comincia ogni anno il 6 Agosto, anniversario del bombardamento su Hiroshima, e termina con una cerimonia di fronte alla base dell'Aeronautica militare degli Stati Uniti ad Aviano, alla presenza di numerosi sindaci locali, che vengono accolti dal sindaco di Aviano Stefano Del Cont Bernard, un membro veterano di Mayors for Peace.

Ricordando le vittime del bombardamento di Nagasaki, i sindaci e i cittadini insieme si impegnano a compiere ogni sforzo possibile per assicurare che essi sono le ultime vittime delle armi nucleari in tempo di guerra.